top of page

Latte di soia fatto in casa: una ricetta semplice semplice.

Aggiornamento: 20 giu 2020



Il latte di soia, un sostituto del latte animale, ha molti vantaggi: è leggero, molto digeribile, ricco di proteine e completamente vegetale. Inoltre sempre più persone, vegane o no, stanno iniziando a consumarlo perché è adatto a chi è intollerante al lattosio o alle proteine del latte, dato che non contiene lattosio. Altri vantaggi di questo latte sono la mancanza di colesterolo e di glutine (quindi è adatto anche ai soggetti celiaci o intolleranti al glutine).


I vantaggi di prodursi in casa il latte di soia sono numerosi, ad esempio è conveniente (i fagioli costano poco e si possono produrre grandi quantità di latte) e permette di ridurre gli imballi (cosa non da poco!).


N.B. Il latte vegetale che compriamo è molto spesso addizionato di vitamine e calcio, quindi se volete iniziare a consumare la versione “fatta in casa” tenete conto del minor apporto di queste sostanze nella vostra dieta e prevedete di integrarle in altri modi.


Difficoltà: molto facile

Costo: basso

Tempo: 12-24 ore per l’ammollo + 30 minuti per la preparazione

Dosi per: 600 ml

Calorie per porzione: circa 45kcal


Ingredienti:

  • 1l di acqua

  • 100g di soia gialla secca

  • Zucchero di canna o altro dolcificante


Preparazione:

  • Sciacquare la soia e lasciarla a mollo per almeno 12 ore (meglio ancora 24 ore) ricordandosi di cambiare l’acqua almeno una volta.

  • Scolare la soia, aggiungere circa 200ml di acqua e frullare con un frullatore ad immersione fino ad ottenere una purea (nel caso il composto fosse troppo denso aggiungere altra acqua).

  • Versare questa purea in una pentola, aggiungere l’acqua rimanente, portare ad ebollizione e cuocere per almeno 15 minuti mescolando continuamente. Durante questo processo si formerà della schiuma che andrà eliminata con una schiumarola (fate anche attenzione a non chiudere completamente la pentola con il coperchio perché la schiuma tende a fuoriuscire).

  • Finita la cottura filtrare il tutto con un colino a maglie strette o un canovaccio strizzando per bene. Lasciar raffreddare, se si desidera zuccherare o aromatizzare (con vaniglia, cannella ecc..) ed infine imbottigliare.


Note:

  • Durante il filtraggio non buttare la parte solida (chiamata okara) perché può essere usata in molte ricette, sia dolci che salate.

  • Se si desidera un latte più denso, lasciarlo cuocere ancora un’ora circa dopo il filtraggio.

  • Si conserva fino a 3 giorni in frigorifero.

  • Agitare bene prima dell’uso.


Se volete conoscere qualcosa di più sulla soia, sia dal punto di vista nutrizionale che delle sue proprietà e benefici, date un’occhiata all’articolo dedicato su questo blog!

13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page